Questa settimana sarà Pasqua, momento di riflessione che quest’anno vivremo in casa e lontani dagli affetti più cari

Cosa significa per le religioni monoteiste Pasqua:

La Pasqua ebraica, chiamata Pesach (pasa’, in aramaico), celebra la liberazione degli Ebrei dall’Egitto. La parola ebraica pesach significa “passare oltre”, “tralasciare”, e deriva dal racconto della decima piaga, nella quale il Signore vide il sangue dell’agnello sulle porte delle case di Israele e “passò oltre”, colpendo solo i primogeniti maschi degli egiziani, compreso il figlio del faraone (Esodo, 12,21-34).

La Pasqua cristiana ha acquisito un nuovo significato, indicando il passaggio dalla morte alla vita per Gesù Cristo e il passaggio a vita nuova per i cristiani, liberati dal peccato con il sacrificio sulla croce e chiamati a risorgere con Gesù. Perciò, la Pasqua cristiana è detta Pasqua di risurrezione

La Pasqua Islamica, l’Eid al-Adha, è la festa del sacrificio: infatti ricorda il sacrificio del profeta Abramo, primo patriarca dell’islam, nei confronti del figlio Isacco. Dio, infatti, mise alla prova la fedeltà di Abramo ordinandogli di sacrificare Isacco, sui figlio. Abramo obbedisce ma un angelo, scendendo dal cielo, blocca la mano di Abramo, che già impugnava il coltello col quale avrebbe ucciso suo figlio.

Avendo la fortuna di annoverare tra i nostri iscritti colui che e’ considerato il massimo poeta ebreo vivente in Italia, la Lega italiana dei diritti dell’uomo ha deciso di porre in rete una poesia di Oreste Bisazza Terracini.

Oreste ci ha accontentato e ha scritto di getto quanto vi offriamo all’ascolto con la speranza e la convinzione di avere fatto un gesto  di buona volontà, che il mondo cristiano e islamico non potranno ignorare. Oreste ritiene che gli ebrei abbiano un filo diretto con Dio,.

Certo e’ che qualcuno ci farà sapere come sarà accolta la nostra iniziativa e se e’ stata cosa buona promuoverla. Buona Pasqua cristiana, musulmana e ebraica.

Buona pasqua per tutti.

Eugenio Ficorilli